Cambio di residenza

banner

Titolo I - Autonomia e finalità del comune

Art. 1

Autonomia del Comune

Il Comune di Mongrassano è l'ente che esprime la comunità locale ed è dotato di autonomia costituzionalmente garantita.

Il Comune rappresenta la popolazione insediata nel proprio territorio, ne cura gli interessi e ne promuove lo sviluppo civile, sociale ed economico, nel rispetto delle leggi e secondo i principi dell'ordinamento della Repubblica.

Il Comune ha autonomia normativa, organizzativa e finanziaria.

È titolare di funzioni e poteri propri ed esercita le funzioni attribuite, conferite o delegate dallo Stato e dalla Regione, secondo il principio di sussidiarietà.

Il Comune svolge le sue funzioni anche attraverso l'attività e la collaborazione dei cittadini e delle loro forme di aggregazione sociale.

Il Comune favorisce la più ampia partecipazione della popolazione alle scelte amministrative; riconosce e sostiene le libere associazioni ed il volontariato, quale momento di aggregazione e confronto su temi d'interesse della comunità locale.

Assicura che i cittadini abbiano libero accesso alle informazioni sulla vita amministrativa e sull'attività dell'ente ed assume le misure idonee a realizzare il pieno e paritario uso dei servizi pubblici, senza distinzioni dovute alle condizioni economiche e sociali, al sesso, alla religione ed alla nazionalità.

Art. 2

Sede, territorio, gonfalone e stemma

Il Comune di Mongrassano è costituito dalle comunità delle popolazioni e dai territori del ca­poluogo e delle varie contrade storicamente riconosciute dalla comunità

Il palazzo civico, sede comunale, è ubicato in Mongrassano centro che è il capoluogo.

Il territorio del Comune si estende per 34,68 km², confina con i Comuni di Cerzeto, Cervicati, Bisignano, S. Marco Argentano, Fagnano Castello, Guardia Piemontese, Fuscaldo ed Acquappesa.

Le adunanze degli organi collegiali, normalmente, si svolgono nella sede comunale; esse pos­sono tenersi in luoghi diversi in caso di necessità o per particolari esigenze.

Il Comune ha un proprio gonfalone e un proprio stemma, corrispondenti a quelli storicamente in uso, raffiguranti aquila nera su campo rosso con mima bianca in alto a destra, sovrastata da corona turrita, circondata lateralmente da fronda di alloro e fronda di quercia annodate con fiocco tricolore, scritta sottostante e dorata su campo azzurro " Mongrassano".

Nelle cerimonie e nella altre ricorrenze, accompagnato dal Sindaco si può esibire il gonfalone comunale.

Il regolamento disciplina l'uso del gonfalone e dello stemma, nonché i casi di concessione in uso dello stemma ad enti od associazioni, operanti nel territorio comunale e le relative modalità.

All'interno del territorio del Comune di Mongrassano non è consentito, per quanto attiene alle attribuzioni del Comune in materia, l'insediamento di centrali nucleari, né lo stazionamento o il transito di ordigni bellici nucleari e scorie radioattive.

Art. 3

Funzioni e finalità

Il Comune esercita tutte le funzioni ed i compiti amministrativi necessari alla cura degli interessi ed alla promozione dello sviluppo della comunità comunale, non attribuiti espressamente per legge allo Stato, alla Regione ed alla Provincia.

Il Comune concorre nei modi previsti dalla legge a definire gli obiettivi della programmazione provinciale, regionale e statale.

Il Comune attua forme di cooperazione tra enti per l'esercizio in ambiti territoriali adeguati delle attribuzioni proprie, conferite e delegate, secondo i principi della sussidiarietà e dell'omogeneità delle funzioni, dell'economicità, efficienza ed efficacia della gestione e dell'adeguatezza organizzativa.

Il Comune di intesa con quelli limitrofi e con la Provincia, promuove una politica di aggregazione per inserire il suo territorio, anche attraverso le fusioni e le unioni previste dagli artt. 11 e 26 della legge 8 giugno 1990, n.142 e 26-bis legge 3 agosto 1999, n. 265, in una dimensione necessaria allo sviluppo economico, dell'occupazione, dell'imprenditoria, delle infrastrutture e dei servizi.

Un apposito regolamento disciplina l'attuazione coordinata con lo Stato e la Regione degli interventi necessari alla tutela ed alla piena integrazione sociale delle persone portatrici di handicap, in attuazione del principio di valorizzazione della persona umana e di tutela della salute dei cittadini.

Il Comune gestisce il servizio elettorale, dell'anagrafe, dello stato civile, di statistica e leva militare ed ogni altro servizio dello Stato e della Regione organizzato a livello locale; le relative funzioni sono esercitate dal Sindaco quale ufficiale di governo.

Il Comune ispira, in particolare, la sua azione alle seguenti finalità:

  • Valorizzazione e promozione delle attività culturali e sportive, come strumenti che favoriscono la crescita delle persone;
  • Curare la conservazione e la valorizzazione del suo patrimonio boschivo promuovendo l'adozione delle moderne tecniche silvicole di coltivazione e di rinnovamento anche ai fini dello sviluppo dell'occupazione e dell'imprenditoria locale.
  • L'utilizzazione turistica del patrimonio boschivo basata su strumenti urbanistici finalizzati all'adattamento e al riuso di parte dell'abitato, allo sviluppo di una rete alberghiera, di infrastrutture di servizi allocati nel centro abitato, allo sviluppo della rete dell'imprenditoria locale e all'incremento dell'occupazione. 
  • Tutela, conservazione e promozione delle risorse naturali, paesaggistiche, storiche, architettoniche presenti sul territorio.
  • Promuove lo sviluppo del patrimonio culturale, anche nelle sue espressioni di lingua, di costume e di tradizioni locali anche di carattere religioso. A tal fine, in considerazione che la comunità di Mongrassano è di origine albanese e, quand'anche sia andato perduto l'uso della lingua madre, ha conservato costumi, tradizioni, cultura popolare e memoria storica, promuove rapporti di collaborazione culturale con organismi e associazioni che operano in difesa delle minoranze, nonché con la Repubblica di Albania. 
  • Rispetto e tutela delle diversità etniche, linguistiche, culturali, religiose e politiche, anche attraverso la promozione dei valori e della cultura della tolleranza;
  • Sostegno alla realizzazione di un sistema globale ed integrato di sicurezza sociale e di tutela attiva delle persone disagiate e svantaggiate

Art. 4

Statuto comunale

Il Comune determina il proprio ordinamento nello Statuto, cui devono uniformarsi i regolamenti e gli atti degli organi istituzionali e di quelli amministrativi e di gestione.

Lo Statuto è adottato dal Consiglio Comunale con le maggioranze e le procedure stabilite dall'art. 6, comma 4, del Decreto Legislativo 18/08/2000, n. 267.

Le modifiche dello Statuto sono precedute da idonee forme di consultazione; sono approvate dal Consiglio a scrutinio palese, con votazioni separate sui singoli articoli e votazione complessiva finale.

Le modifiche d'iniziativa consiliare debbono essere proposte da almeno un quinto dei consiglieri assegnati.

Lo Statuto entra in vigore decorsi trenta giorni dalla pubblicazione all'Albo Pretorio successiva all'esame dell'Organo di controllo.

Lo statuto è a disposizione dei cittadini per la consultazione presso la Sede Comunale.

Art. 5

Regolamenti

Il Comune ha potestà regolamentare nelle materie e funzioni proprie.

Il Comune esercita la potestà regolamentare nell'ambito dei principi fissati dalla legge e nel ri­spetto delle norme statutarie.

I regolamenti le cui disposizioni incidono su posizioni giuridiche soggettive possono essere sottoposti a forme di consultazione popolare.

I regolamenti relativi alla disciplina dei tributi comunali e agli strumenti di pianificazione e le relative norme d'attuazione ed in genere tutti i regolamenti soggetti ad approvazione del Consiglio Comunale entrano in vigore, se non diversamente previsto dalla legge, al compimento di un periodo di deposito presso la Segreteria Comunale della durata di dieci giorni, da effettuare successivamente  all'esecutività delle relative deliberazioni di approvazione.

Del deposito è data comunicazione ai cittadini mediante contestuale affissione di avviso all'albo pretorio.

I regolamenti sono portati a conoscenza della popolazione attraverso idonei mezzi di informa­zione, che ne mettano in evidenza i contenuti e gli aspetti significativi.

Art. 6

Albo Pretorio

Nella Sede Municipale, in luogo accessibile al pubblico, è individuato apposito spazio da desti­nare ad Albo Pretorio per la pubblicazione degli atti, dei provvedimenti e degli avvisi soggetti per legge o per statuto a tale adempimento.

Il Messo Comunale cura la tenuta dell'Albo e l'affissione degli atti soggetti a pubblicazione.

Comune di Mongrassano / Bashkia e Mungrasanës

P.Iva 00431630789

tel. 0984.527209 - fax 0984.527061

e-mail: info@comune.mongrassano.cs.it

P.E.C.: sindaco.mongrassano@asmepec.it

HTML 4.01 Valid CSS
Pagina caricata in : 0.734 secondi
Powered by Asmenet Calabria